Posts Tagged ‘informazione’

Metilcellulosa: per chi non si vuole preoccupare dei problemi veri

aprile 27, 2009

Ricordi che riemergono alla lettura dei bei post (1) e (2)

È da quando ero in tesi (e quindi da mo’) che sono al corrente dell’uso della metilcellulosa in molti alimenti.

IO: “E quindi nella colla che stiamo preparando la metilcellulosa è il componente chiave, anche se la sua frazione in peso è minima?”

Correlatore: “Certo; qui serve sostanzialmente a trattenere l’acqua durante il processo di idratazione.
Ma questo composto, come altri simili, è molto usato in molti altri tipi di adesivi, e anche nell’industria alimentare.”

IO: “Per esempio?”

Correlatore: “Per esempio nei gelati confezionati. Ti sei mai chiesto perché il gelato artigianale d’estate cola subito, mentre un cremino sembra appiccicato come un blob naufrago allo stecco?”

Signori, se c’è qualcosa che fa male, in certi gelati, è l’olio di palma (sì, succede che ne mettano anche lì).

Annunci

Ex-giornalisti scomodi in Russia

aprile 1, 2009

Luca Massaro mi ricorda che Protazanov è solo l’ultimo.

Mi permetto di saccheggiare un post di V. su Polisblog (via Riccardo),
perché è giusto distribuire più copie di questa lista impressionante di martiri.

E però non c’è solo Silvio: siamo comunque appesi al loro gas…

Lettera di un amico sulla sicurezza

agosto 16, 2008

Mi è arrivata stamane; la posto quasi così com’è.

***

(…)

Vabbe’… già che ci siamo, mi è venuta in mente un’altra cosa su cui riflettevo qualche giorno fa.
Questa notizia geniale.

I morti sul lavoro sono più dei morti per omicidio. E vorrei ben vedere. Statisticamente parlando, perché ci siano più omicidi che morti sul lavoro si deve essere in guerra civile.
Certo nell’intenzione dei giornalisti una notizia come questa dovrebbe dar scandalo, e probabilmente l’ha anche dato, non lo so perché ho letto la cosa di sfuggita su televideo e mi sono fermato a quello.

Ma l’errore che ogni tanto i giornalisti fanno è quello di dare dei numeri. Lo fanno ormai con la tranquillità di chi è convinto che i numeri non abbiano alcun significato, dopo l’uso che ne ha fatto Berlusconi per 15 anni.

Eppure basterebbe un attimo per far cadere un sacco di castelli di carte, solo con questo articolo.

Primo: gli omicidi dal 1995 al 2006 sono diminuiti del 36%, quindi mi piacerebbe tanto sapere in cosa consiste “l’allarme sicurezza”, l'”allarme rom”, “l’allarme clandestini”, ecc ecc ecc.
Magari gli omicidi sono aumentati del 40% negli ultimi mesi, probabilissimo.

Secondo: 663 omicidi all’anno fanno quasi 2 omicidi al giorno, feste comandate comprese (1042 voleva dire 3 al giorno, nel 1995). Allora non si capisce bene perché alcuni selezionatissimi omicidi sono più omicidi degli altri, e riempiono per mesi la docufiction dei telegiornali, mentre di tutti gli altri nessuno sa mai nulla.

Terzo: 5.669 morti al giorno sulle strade fanno 15 morti al giorno.
Quindi parlare di strage per 43 morti nel weekend, venerdì-sabato-domenica, non è una notizia falsa, è molto peggio. È una notizia falsata.

Ciao
G.

Sta arrivando Gargantua

marzo 27, 2008

Varrà la pena di stare in agguato.

Sta arrivando Gargantua (Raitre, il martedì dall’8 aprile in seconda serata).

Gargantua si occupa di attualità culturale. Fa informazione. Su ciò che accade in Italia, ma non soltanto in Italia, in ambito culturale. Libri che escono, film, mostre, concerti, opera, balletto, teatro, niente televisione, e ciò che di culturale accade su giornali, riviste, web.

…perché sappia quello che il Papa dice veramente

dicembre 11, 2007

A chi regalare ZENIT?

Caro lettore,

Molto probabilmente tante persone sarebbero felici di 
ricevere un'iscrizione a ZENIT come regalo di Natale.

Ti diamo qualche idea. Chissà che non ti siano d'aiuto 
per vincere il viaggio a Roma o Gerusalemme! 

-- il tuo parroco (nelle difficoltà, ZENIT lo aiuterà 
a sentirsi più vicino alla Chiesa universale);

-- il tuo amico giornalista (che cerca sempre notizie interessanti);

-- il preside o il professore di religione 
della scuola dei tuoi figli (ZENIT potrà essere 
d'aiuto nella loro attività formativa);

-- il tuo Vescovo (può darsi che ancora non conosca ZENIT);

-- il tuo vicino (gli darà nuovi interessi e argomenti di cui parlare);

-- il tuo confessore (l'aiuterà a sapere che qualcuno 
pensa a Lui e valorizza il suo indispensabile ministero);

-- un carcerato (ZENIT lo può aiutare a tenere vivi 
orizzonti di fiducia e speranza nel futuro);

-- una modella (potrà scoprire che 
l'autentica bellezza salverà il mondo);

-- una religiosa di clausura (le sofferenze e 
le conquiste degli uomini alimenteranno la coscienza 
della necessità che abbiamo delle sue preghiere);

-- l'amico che parla sempre contro la Chiesa 
(perché sappia quello che il Papa dice veramente);

-- il tuo amico cieco (il computer gli leggerà le notizie);

-- il tuo capo (riceverà un'informazione più ampia 
che l'aiuterà nel suo lavoro);

-- il tuo amico pensionato (scoprirà nuovi 
interessi e temi da approfondire);

-- il giovane che cerca risposte 
(potrà ricevere molte risposte alle sue inquietudini);

-- le persone con le quali vivi la tua fede in parrocchia 
o nel tuo movimento ecclesiale (ZENIT potrà essere uno 
strumento efficace di informazione e di formazione);

-- i membri del tuo coro (per partecipare al coro con 
più motivazione e gioia interiore);

-- alla tua lista di e-mail... perché ZENIT sia 
conosciuto ogni giorno sempre di più!...

Regalando ai tuoi amici un'iscrizione a ZENIT 
(è totalmente gratuita), non solo offrirai un regalo 
di Natale molto speciale, ma come abbiamo annunciato potrai 
anche vincere una settimana indimenticabile a Roma o Gerusalemme.

Regalare un'iscrizione a ZENIT in italiano è molto semplice. 
Puoi farlo attraverso il link:

http://www.zenit.org/italian/regalo.html

Sorprendi i tuoi amici con un'iscrizione gratuita 
a ZENIT e chissà, potresti vincere un viaggio di 
una settimana a Roma o Gerusalemme!

Un cordiale saluto,

Roberta Sciamplicotti
ZENIT