Posts Tagged ‘greenpeace’

Molise, paura del vento

marzo 14, 2007

Riporto il mio commento a un post di Marco Pagani sul progetto di wind farm in Molise.

Dispiace leggere su Repubblica di ieri che la Regione Molise ha dato parere negativo alla realizzazione di un impianto eolico off-shore. Dispiace ancora di più che il ministro (molisano) delle infrastrutture abbia fatto pesare il suo no.

Il problema è che ci troviamo sempre in uno schema tutto-o-niente.

Siccome è giusto accettare dei compromessi, si ha paura sempre di dover accettare qualunque cosa; e a volte chi propone fa di tutto per dare questa impressione.

Io credo che la questione del dialogo sia un aspetto fondamentale.

Io non credo che le turbine eoliche si possano installare proprio dappertutto; però questo deturpamento del paesaggio io non ce lo vedo.

A me piacciono pure; ma sono gusti personali.

Certo che anche il dialogo sarebbe agevolato dalla COSCIENZA DELLA GRAVITA’ DELLA SITUAZIONE ENERGETICA.

Per come siamo messi, dovremmo mettere una turbina su ogni campanile… :-O

EDIT: da notare il fatto che Legambiente e Greenpeace sono A FAVORE del parco eolico.

Annunci

Greenpeace: un aiuto troppo scomodo

febbraio 19, 2007

Riporto il mio commento a questa notizia comparsa su EcoBlog:

La posta in gioco è grossa.

Se lasciano intervenire Greenpeace non solo le fanno una bella pubblicità, ma soprattutto ne mettono in dubbio la cattiva immagine spacciata presso la pubblica opinione.
Ci sono idee confuse riguardo a cosa faccia Greenpeace.
Per fare un esempio: persino un mio amico "di orientamento verde" disapprova i loro metodi (sic). Ma chi sono, dei black bloc?
La verità è che Greenpeace ha un approccio "duro" solo a livello di comunicazione: in tanti anni di attività i danni provocati da loro sono stati davvero pochi (e molto inferiori a quelli subiti).

E molti illeciti sono venuti allo scoperto solo per merito loro.

Per loro certe posizioni li considero abbastanza integralisti; non certo per le loro azioni dimostrative.
Non sono affatto dei pirati o dei terroristi, e qualcuno non vuole che la gente se ne accorga.