Posts Tagged ‘fiabe’

Una bella fiaba per Natale…

dicembre 24, 2007

Le tre melarance

Non voglio banalizzare, si tratta di una delle fiabe
dalla tradizione più ricca in assoluto
(cfr. http://www.folklore.ee/folklore/vol27/kawan.pdf).

Però come tutte le fiabe ha almeno un lato oscuro;
qui è quello della "brutta saracina".
Ed è un tema sostanziale del racconto.

Ma mi colpisce la spudoratezza con cui, ancora nel 1968,
il Cantafiabe voleva evidenziarlo nella variante I tre cedri:

/misc/media/niftyplayer.swf?file=http://files.splinder.com/ab49d8928fbb809a507a0e35a79f0d07.mp3&as=0

Mi ha richiamato un post del Dr. Psycho,
Le favolose avventure di Tintin tra i negri.

Comunque, Buon Natale a tutti!

Quando Gesù girava per la Sicilia

gennaio 26, 2007

A dispetto delle ultime recensioni, il libro più importante nella nostra recente vita famigliare è Fiabe Italiane – raccolte e trascritte da Italo Calvino.

In casa ho molti libri del genere; devo dire che restano molti anche dopo aver fatto le dovute proporzioni (mia moglie ha fatto la tesi, sulle fiabe).

Ogni sera mio figlio ne chiede una, e cerca di strapparne anche di più.

Noi abbiamo una recente ristampa dell’edizione dei Millenni Einaudi del 1956; attualmente si trova anche nei Meridiani Mondadori.

In quanto raccolta di narrazioni popolari comprende materiale molto vario, di volta in volta moralista o cinico, opaco, crudele o comico.

E certe volte non posso fare a meno di annotare le storie che mi colpiscono maggiormente.
Come "Gesù e San Pietro in Sicilia", 5 brevi racconti (tutti comici tranne l’ultimo) in cui San Pietro è davvero una macchietta.

Esempio: Le pietre in pane

Quando il Maestro andava per il mondo coi tredici Apostoli, una volta si trovarono affamati in mezzo alla campagna e non avevano più pane. Disse il Maestro: – Caricatevi una pietra ognuno.
Gli Apostoli si caricarono una pietra ognuno, e Pietro ne scelse una piccina piccina.

Ovviamente a un certo punto – non trovandosi davvero da mangiare – Gesù trasforma le pietre in pane e Pietro resta con poco pane e molta fame…

Alla volta successiva Pietro si fa furbo e prende un macigno che si poteva sollevare appena (…) mentre gli altri camminavano tutti con pietre leggere.

Ma questo Gesù è uno che gioca tiri birboni:
E il Signore disse agli Apostoli: – Ragazzi, ora ci faremo una risata alle spalle di Pietro.
Giunsero ad un paese, ed era pieno di botteghe di fornai che sfornavano pane proprio allora.

Non rovino la sorpresa raccontando il secondo episodio, in cui Pietro fa l’apprendista stregone dopo aver visto un miracolo di Gesù