Posts Tagged ‘famiglia’

Mesti riti

ottobre 24, 2009

Oggi pensavo con compassione* a quanto centrali siano certi gesti che spesso vengono delegati a qualcuno che li esegue con noncurante materialità. Questa volta non è stata ignobile, a mio giudizio.

La ritualità dell’uomo che mette i mattoni non è meno importante di quella del prete.

cim

* in senso etimologico

Annunci

OLPC

dicembre 9, 2008

One Laptop Per Child

Significa che adesso ce n’è uno per il papà,
uno per la mamma e uno per il bimbo più piccolo.

L’inizio della fine

settembre 6, 2008

Ha scoperto aNobii. È fatta.

Le mamme non sono stupide, ma la pubblicità funziona

febbraio 25, 2008

Spesso chi promuove i sostituti del latte materno e gli strumenti per somministrarli
si appella al fatto che “le mamme non sono stupide” e sono in grado
di compiere la scelta di allattare al seno nonostante la pubblicità,
che orienterebbe all’acquisto solo le mamme che hanno già compiuto
tale scelta in favore dell’alimentazione mista o artificiale.

Certamente le mamme non sono stupide:
per questo chi progetta le campagne pubblicitarie fa riferimento
a un vasto corpus di studi sulle tecniche di persuasione,
che considerano tutti gli aspetti della psiche umana nel processo di scelta,
quelli più prettamente cognitivi ma soprattutto quelli emotivi.

Se si pensa che le neo-mamme vivono una delle esperienze più intense
dal punto di vista emotivo, si può capire come un pubblicitario che sa fare
il suo mestiere abbia un enorme potere anche con un target niente affatto “stupido”.

Per approfondimenti, vedere IL CODICE VIOLATO.

Trova le incongruenze

gennaio 11, 2008

D’après Capemaster:

Propugnare la famiglia con tanti tanti figli

ma

considerare assurdo il darwinismo

Noi qui stiamo benone

agosto 10, 2007

Ma siamo diversi dalla natura, o no?

Mag 13, 2007

La Chiesa ci tiene molto fare queste chiare precisazioni:
L’uomo ha una indiscussa superiorità sul creato e, in virtù del suo essere persona dotata di un’anima importante, non può essere equiparato agli altri esseri viventi…”.

Poi uno guarda le interviste al family day e vede genitori di 8, 9, 10, 11 figli.

Attenzione che qui non voglio offendere nessuno, non sto parlando di come si vive in una famiglia o in quell’altra, o del valore che un figlio ha per i genitori, qualunque numero questi ne abbiano.

Voglio solo capire come la distinzione uomo-natura sopra citato si concili con il benedire quasi a priori la famiglia molto numerosa: in fondo cosa c’è di più zoomorfo (e – orrore! – darwiniano) che cercare di mettere al mondo quanti più figli possibile?

La Chiesa respinge previsioni catastrofiche

aprile 28, 2007

Sui cambiamenti climatici, la Chiesa respinge previsioni catastrofiche e misure contro lo sviluppo.

Alcuni passaggi interessanti:

“L’uomo ha una indiscussa superiorità sul creato (…) non può essere equiparato agli altri esseri viventi, né tanto meno considerato elemento di disturbo (…)

“L’uomo non ha un diritto assoluto su di essa, ma un mandato di conservazione e sviluppo (…) con l’opzione preferenziale per i poveri e per lo sviluppo dei paesi poveri”. (…)

“La Santa Sede ha dovuto contrastare, assieme a molti paesi del terzo mondo, l’idea secondo cui l’aumento della popolazione nei prossimi decenni sarebbe stata tale da portare al collasso gli equilibri naturali del pianeta e impedirne lo sviluppo. Queste tesi sono state ormai confutate" (…)

Sul fatto che non dobbiamo abbandonarci a forme di "democrazia con gli altri esseri viventi" sono d’accordo anch’io (per motivi non religiosi, tuttavia).
Mi sembra pure ovvio che dobbiamo fare dei compromessi tra conservazione e sviluppo; del resto, anche volendo, non si farebbe altrimenti.
E sottoscrivo in pieno che i margini di crescita devono essere largamente lasciati ai paesi poveri.

Sono un po’ meno d’accordo sul fatto che non ci sia un problema di sovrappopolazione.

Ma, soprattutto, disapprovo totalmente il vizio di anteporre assunti ideologici a dati di fatto e problemi concreti. Questo passaggio razionale errato è esplicabile con i seguenti esempi:

"Non mi piacciono con le conseguenze di un dato
=> quindi il dato deve essere sbagliato"

"Chi ha affrontato il problema in passato lo ha fatto in modo criminale
=> quindi il problema non è tale e non va affrontato"

Sui problemi demografici non posso diffondermi adesso. Tra l’altro, diversi paesi hanno problematiche demografiche opposte, anche se globalmente il trend è la saturazione delle risorse planetarie.

Basarsi solo sull’equa ridistribuzione è un’utopia (anche se è il vero "progresso" verso cui dobbiamo sforzarci di andare).

Dico solo che credo nella libertà di fare/non fare figli, e penso che questa libertà della persona e della famiglia sia una delle più importanti.
Ci sono pochi concetti che trovo odiosi quanto quello di "controllo demografico".

Ma proprio perché non si possono imporre delle scelte in questo senso, sarebbe ora di smetterla di negare il problema.
Le persone devono averne coscienza, iniziare a ragionarci su, e a regolarsi – liberamente – di conseguenza. Anche e soprattutto nei PVS.

In Vaticano Seminario Internazionale sui cambiamenti climatici

aprile 27, 2007

Si è aperto in Vaticano il Seminario internazionale
sul tema “Cambiamenti climatici e sviluppo”

“I cambiamenti climatici hanno origini naturali”,
sostiene il professor Zichichi

Lodevole il proposito del Seminario.

Da criticare la leggerezza con cui ancora si propone l’ormai stanca antitesi "Sviluppo-Ambiente".

Che vale solo finché non si raggiunge un certo livello critico di esaurimento delle risorse naturali. Dove sia questo livello è ancora materia controversa (in molti pensano che lo abbiamo superato da un pezzo).

Forse il Papa non si rende conto della gravità della situazione; o forse sa delle cose che noi non sappiamo (certo, questo ce lo ha sempre assicurato…)

Mentre sulle competenze di Zichichi come climatologo nutro alcuni dubbi.