Posts Tagged ‘AGW’

Hopenhagen: quali speranze per il clima in un pianeta sovrappopolato?

gennaio 28, 2010

Ricevo da Luca e volentieri pubblico

Biblioteca Scientifica interdipartimentale di Via Campi 213c, Modena
Mercoledì 3 febbraio 2010 ore 20:30

La Biblioteca Scientifica Interdipartimentale dell’Università  di Modena e Reggio Emilia inaugura un ciclo di conferenze su “Scienza e consapevolezza ambientale” attraverso le quali intende informare gli studenti, la comunità dell’Ateneo e i cittadini sui risultati della Conferenza ONU di Copenhagen sul clima, e, più in generale, si propone di promuovere la discussione tra esperti, studenti e cittadini sulle tematiche connesse ai cambiamenti climatici, alle loro cause, agli effetti e alle possibili soluzioni in materia di biodiversità, ambiente, energia.

Tutti possono inviare le proprie domande tramite i commenti.

Le domande saranno rivolte ai relatori durante la conferenza.

Nella conferenza introduttiva, che si terrà mercoledì 3 febbraio 2010 alle ore 20:30 nella Biblioteca Scientifica Interdipartimentale, via G. Campi 213 a Modena, dal titolo “HOPENHAGEN: quali speranze per il clima su un pianeta sovrappopolato?” Dario Sonetti, docente della Facoltà di Bioscienze e Biotecnologie e Luca Lombroso, meteorologo dell’Osservatorio Geofisico dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia riferiranno della loro partecipazione al vertice ONU di Copenhagen sui cambiamenti climatici.

Annunci

È questo il modo di dare una notizia?

agosto 16, 2009

Stamattina dopo un’occhiata al sito di Le Scienze mi prende un coccolone: caspita, forse moriremo tutti e non possiamo fare niente, perché il riscaldamento globale non dipende da noi.

(ops, mi sono fatto prendere la mano; ma perché dovrei essere l’unico serio quando gli altri sono cialtroni?)

In sintesi: se andate sull’articolo per approfondire (facciamo finta che approfondisca, va’) potete capire che si tratta di una ricerca “accessoria”, come quell’altra sui raggi cosmici; è interessante vagliare anche questo contributo, ma per ora non ci sono estremi che inducano a rivoluzionare la climatologia mondiale.

Tra l’altro il testo non esplica per nulla la relazione tra inclinazione dell’asse terrestre e radiazione solare (e tra radiazione a livello locale e globale) che mi sembra debba essere un punto critico della ricerca.

Simpatico però che ad ogni piè sospinto salti fuori un qualche “contrordine compagni”, soprattutto se infilato lì di soppiatto da professionisti che si vorrebbero autorevoli.

inclinazione

Arrestato James Hansen

giugno 24, 2009

NYT -> ASPO -> Lombroso

Sta facendo il giro del mondo la notizia dell’arresto – ieri, 23 Giugno – di James Hansen, climatologo della NASA, mentre protestava contro una miniera di carbone in Virginia. Hansen è uno dei climatologi più attivi e più noti nel campo degli studi sul riscaldamento globale.

Sono stato in contatto più di una volta con Hansen e i suoi collaboratori. La senzazione che hai parlando con loro è chiarissima: chi lavora seriamente sulla questione del riscaldamento globale si rende conto sempre di più che siamo nei guai...

Altro non ci appulcro.