Magie

Antonio Tombolini racconta che “veder crescere una cosa nuova è bellissimo, ma vederla nascere è davvero impagabile”.

Qui mi sa che siamo già nella fase di consolidamento, ormai. Però la felicità e l’entusiasmo sono ancora a fondo scala.

È per questo che prendo di peso il post di mia moglie e lo duplico qui.

Lo so che basta un link, ma oggi sono un papà rincorgoglionito.

***

Gufi in arrivo

Io e Alle abbiamo questo problema: cosa leggere alla sera? Lui legge “le sue cose” di giorno, io – se e quando riesco – le mie. Ma alla sera no, si legge insieme. Cioè, io leggo ad alta voce per lui. Qualche volta che stavo proprio crollando e lui non accettava di lasciare lì un capitolo a metà, mi ha preso il libro dalle mani e me l’ha letto lui.

La lettura che a me è piaciuta di più, fino ad ora, è stata Emil della Lindgren. Il libro del papà, edito nel 1974 (perché una versione con tutte le avventure non esiste attualmente in Italia). Lui, nella sua libreria su aNobii, ha dato un voto alto anche a Ciondolino e GianBurrasca, ma io devo dire che non è che me li sia goduti granché.

Mi stavo chiedendo cosa iniziare dopo che avremo finito Il mulino dei dodici corvi, che io ho letto 20 anni fa (e mi ricordo solo che mi era piaciuto tantissimo, ma… ora è come se lo leggessi per la prima volta). In Leggimi forte Bruno Tognolini parla della lettura serale – durata mesi, anni – de Il Signore degli Anelli a sua figlia di 5-7 anni. E in seguito del bellissimo gioco che dalla lettura era partito, in cui si riconoscevano in luoghi e persone del mondo reale i luoghi e i personaggi del libro… “Beh, sì, magari iniziamo Il Signore degli Anelli“, ho pensato.

Poi qualche giorno fa ho visto nel caos della camera di Alle un libro rosso, senza sovraccoperta, con i soliti post-it, etichette, brandelli di fogli a segnare le molte pagine interessanti. Ma quello cos’è? Harry Potter. “Volevo vedere com’era, mamma”, mi dice lui con la sua faccia fintopentita e ben sapendo che questo furto dalla mia libreria non sarebbe stato punito. “Vuoi che lo leggiamo insieme, Alle?” gli chiedo. “No, mi piace da solo, ma se vuoi posso leggertene dei pezzetti quando ti addormenti” (penso sia chiaro a tutti chi è la prima a crollare alla sera, vero???).

Intanto stanno già arrivando gufi con lettere d’invito a Hogwarts, qui.

Per fortuna certe magie non sono precluse a noi babbani!

Annunci

Tag: , , , , , , ,

Una Risposta to “Magie”

  1. Weissbach » Perché fingere il contrario? Says:

    […] c’è niente che riassuma meglio il mio pensiero di un passo di Terry Pratchett* che stasera mio figlio mi ha proposto, in modo completamente inaspettato (ma del resto non riesco più a tener dietro alla […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: