Uno con cui mi trovo in sintonia

Un aggiornamento qui.

Non sono contrario alle centrali nucleari.
Nel 1986 avrei votato no al referendum, ma ero ancora minorenne.
E qualche centrale, se la facciamo in fretta, ci tornerà comoda.
Nel nostro mix energetico variegato ci può stare anche il nucleare (il link è a Beppe Caravita), per quanto io non riesca a capire esattamente quale tecnologia stia promettendo Scajola (III+? IV? Ma allora è pronta?!?).

Sicuramente però è nefasto far balenare agli occhi degli italiani un miraggio.
E se proprio qualcuno ambisce ad aggiudicarsi l’appalto di grandi opere, forse è bene rivalutare altre possibilità.

Ho conosciuto Pietro Cambi al convegno ASPOItalia1 a Firenze nel 2007.
Mi piace il suo approccio, disincantato ma operoso.
È uno degli artefici del cinquino elettrico.

Esprime la sua posizione sul nucleare in un post dalle prospettive meno anguste:

(…) Saremmo, faccio presente, nel 2020.
NON C’È, in alcun modo, tutto questo tempo.
Proprio non c’è (…)

Insomma: capisco che in una ottica, come dire, ahem, Liberal-Keynesiana (ok è un ossimoro ma anche, ainoi, una rappresentazione della linea politica prevalente) ci vogliano, sempre e comunque, le grandi opere. Si potrebbe, però, discutere di QUALI fare con un po’ di gnegnero, buon senso, declinato alla toscana?

Annunci

Tag: , , , ,

7 Risposte to “Uno con cui mi trovo in sintonia”

  1. knulp Says:

    E il solare CPS? Ne ha parlato anche Rubbia recentemente, e ne parlo da me.

    Per il nucleare basato su Uranio mi pare un po tardi. In realtà mi dice un mio amico fisico che si potrebbe fare una centrale a torio, invece che a uranio, perché il torio sarebbe disponibile in quantità nettamente maggiori. Ma la ricerca è ancora indietro su questa tecnologia. Magari se partiamo adesso anche noi ce la facciamo a recuperare il tempo perduto in tutti questi anni.

  2. Weissbach Says:

    Oh, beh, certo. Dovevamo pensarci prima, al nucleare.

    E ho il timore che le centrali che faranno (se le faranno) non avranno gli accorgimenti utili a convertirle velocemente alle nuove tecnologie che in futuro potrebbero essere disponibili (e obbligatorie per non rimanere senza combustibile).

  3. Weissbach Says:

    E poi qualcuno dovrebbe spiegare agli italiani (cominciando dai politici) che
    autonomia energetica significa AUTONOMIA energetica.
    Spostare il problema dalla fornitura di corrente alla fornitura di uranio non è detto che sia così saggio.

  4. Weissbach » Ancora sul nucleare Says:

    […] recenti Weissbach su Un ingegnere con cui mi trovo in sintoniaWeissbach su Un ingegnere con cui mi trovo in sintoniaknulp su Un ingegnere con cui mi trovo in […]

  5. pomarc Says:

    no! facciamole e basta! su su!! sono grandi, sono opere! calce e mattoni! su! 🙂

  6. bolero Says:

    e le scorie? a Chiaiano?

  7. Weissbach Says:

    Le scorie non esistono.
    Però, visto che adesso la materia è sotto segreto di stato, penso che il mio prossimo acquisto (fatto il trasloco) sia un bel contatore Geiger.
    Così, sai, non si sa mai…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: