Archive for ottobre 2007

Panem et circenses

ottobre 31, 2007

Dialogo.
Oggi a pranzo.

– Certo è che non puoi pretendere che a un referendum, che so, sul nucleare, la gente possa votare con cognizione se tutte le sere la TV dà l’Isola e il Grande Fratello (hidden thought: certo che anche VespaCogne…)
– Mah, anche questa storia… è poi il pubblico che lo vuole, non è colpa di chi programma.
– Vuoi dire che c’è un’unica direzione causale?
– Be’, sì, non è giusto condizionare in modo occulto i gusti delle persone. Tutto sommato così è più democratico.
– Insomma, non pensi che in campo culturale si verifichino dei circoli viziosi o virtuosi? Che non ci sia spazio, per chi programma, di proporre qualcosa con un pizzico di coraggio conseguendo ugualmente dei risultati commerciali?

***   ***   ***   ***   ***

Perché giocare continuamente al ribasso? A me sembra che la fantasia sia spesso stata premiata.

***   ***   ***   ***   ***

Stasera prima di cena. Jogging Corsa.
Porte di casa decorate con zucche luminose e teschi fluorescenti.

Ho pensato:
"Si vede che dieci anni fa gli italiani hanno capito di ardere dal desiderio di festeggiare Halloween. Dev’essere stata dura per i produttori di costumi e gadget soddisfare la domanda".

Sì. Dev’essere andata proprio così.

Annunci

Questo sono io

ottobre 31, 2007

Devo fare una cosa alla Silvio, però.
Adesso trovo un’altra foto…
Rosengarten2005

UPDATE: ECCOLA, l’altra foto.

Intanto tu continui ad invecchiare…

ottobre 28, 2007

Mentre io rido e scherzo ci sono segnali – economici e geopolitici –
sempre più preoccupanti sul versante del petrolio.
Non ho voglia di fare commenti, non ho nulla da aggiungere.

Seguite invece Aspoitalia e Petrolio.

Campioni del mondo?

ottobre 27, 2007

In Croazia il parco auto è mediamente antiquato, la gente ha pochi soldi per divertirsi, su molti servizi ci si deve accontentare.
Però in un hotel qualunque di un posto di 9000 abitanti – quasi in mezzo alla campagna – l’accesso a internet è wireless, aperto, veloce e senza pippe.
Perché da noi è così difficile?

Jacuzzi

ottobre 26, 2007

Ho passato gli ultimi 4 giorni disegnando vasche idromassaggio a 600 km da casa.
Adesso, dopo 7 ore al volante, vorrei veramente usarne una.

Luoghi comuni (urbani)

ottobre 20, 2007

Dopo 20 anni di scoutismo e 15 di "non so",
oggi ho aiutato una vecchietta ad attraversare la strada.

Se nevica facciamo i pupazzi di smog

ottobre 19, 2007

Già.

Non chiamatemi ambientalista

ottobre 15, 2007

Ok, sono giorni tesi e non c’è tempo per niente. Avevo alcune idee chiave da sviluppare; speravo questa fosse l’occasione buona e invece no.
 
Bloggers Unite - Blog Action Day

Diciamo che val la pena di chiarire un concetto solo.
Mi interesso poco delle cutrettole e delle garzette.
Per quanto mi riguarda, i panda e gli orsi bianchi si possono anche estinguere. (*)
Sono molto felice di vivere in un mondo tecnologico, e penso che vada gestito per durare, non per consumarsi: proprio perché mi piace.
Adoro le vacanze in mezzo ai boschi e alle rocce, ma questi son gusti; come quelli di chi va in disco.

L’ambiente è uno stereotipo multiplo e ambiguo.
Più che "ciò che ci sta attorno" direi che è "ciò che ci sta sotto".

Così come alcuni (ambientalisti? odio chi generalizza, in buona o mala fede) non hanno cognizione di quanto dipendiamo da (e quanto dobbiamo a) un complesso sistema industriale ed economico, così molti altri non sanno in quale paurosa misura detto sistema sia dipendente dall’ambiente, che è la nostra fonte di materia e di energia.

L’ambiente non è uno sfondo decorativo,
né un ideale etico: è il ramo su cui siamo seduti.
Non seghiamolo.

(*) Per Compare Orso e Comare Volpe: scherzo!

‘NATI IN CASA’ DI GIULIANA MUSSO

ottobre 13, 2007

Ieri sera sono stato – ero uno dei pochi uomini – ad assistere con mia moglie ad uno spettacolo teatrale notevole.

"Nati in casa" di Giuliana Musso e Massimo Somaglino

A partire da numerose interviste a donne che hanno svolto il difficile mestiere della levatrice – detto anche in gergo “comare” – Giuliana Musso e Massimo Somaglino hanno elaborato un testo drammaturgico che ricorda e celebra, con nostalgia e affetto, l’importantissima figura dell’ostetrica di paese che fino a trent’anni fa assisteva casa per casa le partorienti nel mettere al mondo i propri figli.

Un’altra recensione.

Altamente raccomandato. Qui il DVD.

Perché Weissbach?

ottobre 13, 2007

La frana che ieri è avvenuta in un posto che mi è molto caro mi dà l’occasione di rivelare (alle miriadi e miriadi di curiosi che ogni giorno me lo chiedono) l’origine del nome di questo blog.

Weissbach - Cima UnaLa mappa [persa con la fine di Splinder] mostra l’itinerario – di appena 5,3 km – che va dal Weissbach di Passo Montecroce al punto della Val Fiscalina su cui – da quello che ho capito – si sono rovesciate le macerie della frana che si è staccata da Cima Una.

Il Weissbach (Rio Bianco) è il ruscello che scorre sul bianco e ampio greto che è visibile in corrispondenza dell’inizio del percorso.

Eccolo qui:

2016-weissbach

E smettetela di dire che è la valle dei vip.
QUELLA VALLE È MIA!
Precioussss…