Messico: etanolo in pesante competizione con l’uso alimentare del mais

Da un articolo di Roberto Da Rin sul Sole 24 Ore (25.01.07 – pag. 9)

In Messico il prezzo delle tortillas è più che raddoppiato
dal gennaio 2006 al gennaio 2007.
(numeri forniti dal quotidiano – sul web le cifre sono più controverse)

Il motivo è la forte richiesta di mais per la produzione di etanolo da autotrazione.

E’ una prima evidenza di quanto già prospettato più volte,
per esempio su questo blog [1] [2], su ASPOItalia,
Petrolio ed EcoAlfabeta.

Da parte mia insisto sul fatto che l’uso dei biocombustibili è un’ottima cosa se recupera degli scarti, o al massimo se è fatto con coltivazioni o territori complementari.

Ma culturalmente l’idea di produrre energia con le colture ha un effetto fuorviante.
Ci fa credere che l’agricoltura intensiva produca energia, mentre in realtà ne divora!

(cfr. IL PETROLIO CHE MANGIAMO)

L’ultimo post di Ugo Bardi – Il suicidio verde – è imperdibile.

Se restiamo a corto di petrolio non ci mancano le auto, ci manca il cibo…

Edit: Tortillas and the Theory of Second Best

In some areas of Mexico, the price per kilo has risen from 63 cents a year ago to between $1.36 and $1.81 earlier this month.

Annunci

Tag: , , ,

Una Risposta to “Messico: etanolo in pesante competizione con l’uso alimentare del mais”

  1. utente anonimo Says:

    Hai ragione, il post di Bardi è fondamentale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: