Si ringrazia l’AIMAG, Ente Rifiuti di Carpi

Quella nella foto è la situazione del cassonetto della carta vicino a casa mia, a Carpi.
Faccio presente che la foto è stata scattata nel pomeriggio di domenica 24/12/06, ma già sabato 23 mattina era così.

Rifiuti a Carpi 24_12_06

Come gli amministratori dell’AIMAG sperino in un miglioramento durante le giornate di Natale e Santo Stefano, non ci è chiaro.

La cosa comes handy per parlare di una questione delicata: il ruolo dei cittadini nel mantenere il decoro e l’igiene delle zone di raccolta rifiuti.

Da discorsi raccolti per strada mi sembra che sia considerato comportamento più disdicevole l’abbandonare i rifiuti a lato del cassonetto che non fare affatto la raccolta differenziata. E dal limitato punto di vista della buona convivenza tra vicini è vero.

Però, se mancano i cassonetti o vengono vuotati poco, mi chiedo di chi sia la colpa. E mi do un’ovvia risposta.
Io (non so gli altri) sono disposto a pagare un costo abbastanza alto per la gestione dei rifiuti, per sprecare meno risorse e avere meno inceneritori e discariche.
Sono ben contento di fare la raccolta differenziata, di portare i rifiuti anche [relativamente] lontano e/o di aspettare che vengano a prenderli porta a porta.

Però se quando arrivo davanti al cassonetto lo trovo pieno, e le scritte trattano da criminale chi lascia lì i rifiuti (anche quelli inerti), un po’ mi arrabbio.

E penso: facciamo bene a tenerci i rifiuti in casa,
come farò io e faranno i miei vicini nei prossimi due giorni?
Non sarebbe meglio piuttosto far capire a chi di dovere
che non sta facendo la sua parte?

Altrimenti va a finire come per la moglie tradita per vent’anni: quando ci lamenteremo ci diranno "Ma noi credevamo che vi andasse bene così"

Tag: ,

4 Risposte to “Si ringrazia l’AIMAG, Ente Rifiuti di Carpi”

  1. bolero Says:

    “Ma tu fai la raccolta differenziata?”
    “Col cavolo. Con quello che chiedono di tassa sui rifiuti, possono anche stipendiare qualcuno che li seleziona”
    (dialogo con un conoscente)

  2. weissbach Says:

    Il bello è che nessuno può dire con certezza quanto siano il molto e il poco.
    La gestione dei rifiuti è costosissima, e se dovesse essere condotta ad impatto ambientale davvero basso, dovremmo pagare MOLTO di più.
    Ciò non toglie che pagare molto non sia garanzia di buona gestione (non lo è mai stato).

  3. utente anonimo Says:

    bisogna tornare alla logica del riparabile e alla svelta!
    veu

  4. weissbach Says:

    Visto che questo post sembra avere la coda lunga, segnalo che per le ultime feste di Natale-Capodanno la cosa si è ripetuta in modo ancora più pesante.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: